Crea sito

Vai al contenuto

"Vivi il presente, sogna per l'avvenire: vivi come se dovessi morire subito, pensa come se non dovessi morire mai. (Jim Morrison)"

- - - - -

Ho sempre mantenuto le distanze da ogni forma di estremismo...


Immagine inserita
E ritrovarmeli anche nel mondo veg*/animalisti/pacifisti inizia a scocciarmi di brutto.

Abbiamo gli estremisti negli stadi che alla prima occasione iniziano a far casino e a sfasciare la qualunque, incendiare macchine, fare le cariche contro tifoserie avversarie (senza badare ad anziani, donne e bambini) e/o contro le forze dell'ordine;

Abbiamo gli estremisti nelle forze dell'ordine che, con tanto di manganello in mano, spaccano la testa a chicchessia e anziché difendere il cittadino lo conciano per le feste (e, in certi casi, lo mandano pure in obitorio);

Poi ci sono quelli che manifestano con la speranza di far casino; quelli che dinnanzi ad una catastrofe come lo Tsunami in Giappone dicono "speriamo ne arrivi un altro che completi l'opera uccidendo le eventuali merde rimaste" (parole da me lette da una veg*animalista, come se tale catastrofe facesse distinzione tra innocenti e assassini, buoni e cattivi, e non spazzasse via anche bambini, anziani, donne e animali innocenti - e menomale che siamo veg* per rendere migliore questo mondo, come se stragi e genocidi favorissero la causa).

Infine, se fai parte di uno di questi gruppi e fai notare che "qui si esagera con toni e riferimenti", ecco che vieni tacciato di "malafede, stoltezza, ignoranza" e quindi basta dire "ma" che diventi praticamente il nemico da combattere, insultare, denigrare".

Insomma, da un pensiero nobile, da un lavoro nobile, da un credo nobile, si arriva troppo spesso all'esagerazione, all'estremismo, e questo è un enorme sbaglio a mio parere.

Perché è così difficile mantenere toni moderati?
Eppure, nella storia dell'uomo, di esempi pratici e positivi ne abbiamo avuti davvero tanti.

Ci sono tifoserie che applaudono sportivamente alla meritata vittoria della squadra avversaria; membri delle forze dell'ordine che rischiano la vita per difendere quella dei cittadini tutti (persone "pulite" e non); manifestanti che mai passano alla violenza e solo con sit-in, bandiere, striscioni - senza gridare, senza uscire fuori dai percorsi autorizzati, senza incendiare e danneggiare alcunché - manifestano pacificamente per la loro causa; vegetariani/vegani/fruttariani/animalisti che esprimono pacificamente la loro posizione senza insultare né criticare né "odiare" chi non la pensa come loro.

Quindi perché in tanti hanno difficoltà a seguire questi esempi?
Gandhi ottenne molto più con la nonviolenza di quanto abbia fatto qualunque guerrafondaio nella storia dell'uomo.

Non si può vincere l'odio con l'odio, non si può ottenere la pace con bombe; mitra e carri-armati, non si può fermare un'inondazione con l'idrante né un incendio col lanciafiamme.

Non si può cambiare l'opinione delle persone con l'estremismo, dando loro degli sporchi assassini figli di *** perché non la pensano come noi.

A me inizia a dar fastidio questo modo di fare e quindi mi dissocio totalmente da simili atteggiamenti.

Datemi dell'illuso se vi fa piacere, chiamatemi sognatore ma... so con certezza assoluta di non essere il solo a pensarla così e anche se lo fossi continuerei a credere di essere nel giusto.



Continuerò ad immaginare un mondo almeno un po' migliore.



Continuerò a credere che gli estremismi siano sempre sbagliati.




Una forma di violenza ne genera un'altra.
Solo interrompendo questo ciclo si può sperare in una qualche soluzione, ma nessuno sembra disposto a fare il primo passo.
La guerra non distrugge solo le cose, essa distrugge i rapporti umani. (Tiziano Terzani)



10 Comments


Arieluccia
20 mar 2011, 19:33
Beh nulla da obiettare,idee nobilissime le tue,ma vedi il mondo avrà sempre nobili e miserabili...è la storia dei tempi che ce lo insegna...
con ciò non sto facendomi scivolare addosso le malvagità che accadono nel mondo da sempre,ma semplicemente ci sono dei limiti oltre i quali a noi non è permesso varcare...
c'è un piccolo segreto in ogni limite e solo chi ha coraggio,ottimismo,voglia di cambiare riesce a decifrare...Arieluccia
-
Finchè ci sarà qualcuno che vorrà sopraffare un gruppo,finchè ci sarà qualcuno che si arricchirà sul sudore di altri,non ci sarà mai pace...
Ieri mi ha mandato un messaggio un ragazzo che diceva (cito testualmente):

Citazione

Sai qual è l'unico modo che fermerà la violenza sugli animali? lo sterminio della razza umana.
[...]finché l'uomo esiste non si fermerà mai del tutto la violenza contro gli animali.. E sinceramente preferirei un mondo popolato di soli animali che vivono in pace che un mondo come questo dove ci sono pazzi che ammazzano solo per divertimento, e non parlo solo di animali.
Diceva che aveva visto molti video su youtube che mostravano violenze sugli animali di ogni genere e che era arrivato a quella conclusione.
Io gli ho risposto che guardare quei video poteva solo fargli del male: portano a conclusioni indotte dalla rabbia. E la rabbia è un sentimento che non lascia ragionare. Credo che sia questo il male di quelle frange estremiste di cui parli: la rabbia. Queste persone hanno talmente tanta rabbia dentro che ucciderebbero chiunque vada contro il loro credo.
Nella nostra quotidianità sono le cose "straordinarie" (quelle che escono dalla normalità) che fanno scalpore (come quei video su youtube) e che ci rimangono impresse. Su youtube ci saranno almeno il triplo di video in cui si vedono gesti "buoni" nei confronti degli animali. Ma questi non fanno arrabbiare e non fanno "parlare" la gente. Penso che sia questa rabbia che si accumula e sfocia poi in comportamenti estremisti. Se tutti i giorni ti ripetono che X è il nemico, ti fanno vedere che X fa cose orribili, che X se ne frega di quello che pensi...è comprensibile che poi quando ti ritrovi davanti a X ti venga voglia di vederlo KO.
Io sono estremamente in collera con chi posta sul web video e foto di maltrattamenti e abusi. Perchè è violenza gratuita che non porta a nulla. Dalla violenza si può generare solo altra violenza, come giustamente dici nell'articolo.

L'ho già detto tante volte, penso che sia inutile vedere quanto di brutto l'uomo possa fare agli animali, a se stesso, al mondo. Penso che il nostro compito sia mostrare agli altri i buoni comportamenti. Sarò ingenua, ma io continuerò a seguire questo mio modo di vedere, finchè non mi dimostreranno che mostrare violenza può essere istruttivo.
In fondo...lo sappiamo già che nel mondo ci sono delle cose orribili...non c'è bisogno di continuare a mostrarlo a tutti. Mostriamo quanto di bello possiamo fare per cambiare queste cose!

Per quanto riguarda queste frange estremiste presenti nel mondo animalista...ne sono molto spaventata. Sinceramente ho sempre tentato di mantenermi nel "giusto mezzo", ma...per alcuni scegliere questa via significa essere degli "smidollati" che non riescono a far valere le proprie posizioni.
Se per far valere le mie posizioni devo ritrovarmi (parlo dell'ultima manifestazione fatta) di fronte a una schiera di poliziotti in tenuta anti-sommossa...preferisco stare a casa e non manifestare più. In primo luogo, perchè tengo alla mia salute e non voglio ritrovarmi percossa e contusa. In secondo luogo, perchè non dev'essere quello lo scopo della manifestazione (far casino), come qualcuno dice. Una manifestazione, a mio modo di vedere, deve servire per svegliare le coscienze, per far conoscere realtà spesso taciute.
Molti manifestanti si dicevano soddisfatti, perchè "eravamo riusciti" a bloccare il traffico e a creare disordine per qualche tempo... Io sulla via di ritorno verso la stazione sono stata insultata più volte da passanti (avevo i cartelli, quindi venivo identificata come "manifestante"), ho incontrato gente che mi ha guardata male e trattata con disprezzo. Cosa ne deduco? Che la manifestazione avrà anche creato disordini, ma non ha raggiunto l'obiettivo (avvicinare altre persone alla causa per la quale si manifestava). Anzi, si può dire che si sia ottenuto l'effetto opposto: ogni volta che quelle persone sentiranno parlare della causa per la quale si manifestava diranno "oh, quei rompicoglioni".
Io preferisco manifestare seguendo le regole, avvicinare chi incuriosito si interessa, spiegare le mie ragioni civilmente...non rompere le palle a potenziali "alleati" che, automaticamente, si metteranno subito contro di noi perchè...rompiamo loro le palle.
Sono una "smidollata"? Può darsi.
Oppure mi sentirò dire che sarò il nuovo "Gandhi" della situazione, che non perde mai la pazienza. Ma non è vero. Anche io perdo la pazienza, anche io mi arrabbio, anche io non sopporto chi fa del male agli esseri viventi. Ma...allora cosa dovremmo fare? Ammazzare tutti i violenti? Augurare loro i peggiori mali? Bel modo per trasmettere il nostro pensiero...

Chiedo scusa per la lunghezza della risposta e per il linguaggio poco educato.
Penso che farò di questa risposta e dei tuoi pensieri un bell'articolo (con i dovuti aggiustamenti magari...).  :blush:

Citazione

Beh nulla da obiettare,idee nobilissime le tue,ma vedi il mondo avrà sempre nobili e miserabili...è la storia dei tempi che ce lo insegna...
con ciò non sto facendomi scivolare addosso le malvagità che accadono nel mondo da sempre,ma semplicemente ci sono dei limiti oltre i quali a noi non è permesso varcare...
c'è un piccolo segreto in ogni limite e solo chi ha coraggio,ottimismo,voglia di cambiare riesce a decifrare...Arieluccia
Sempre? Spero tu possa sbagliarti - io continuo a sognare un mondo utopico fatto di giusti.
I limiti sono solo virtuali e facilmente superabili, tocca a noi migliorarci e lottare contro il nostro peggior nemico (noi stessi) affinché ciò sia possibile.

Citazione

Finchè ci sarà qualcuno che vorrà sopraffare un gruppo,finchè ci sarà qualcuno che si arricchirà sul sudore di altri,non ci sarà mai pace...
E finché non proveremo a cambiare le cose mai nulla cambierà.

@Polveredistelle: Capisco perfettamente il tuo pensiero - al quale potremmo benissimo dare un nome (abbreviamolo con l.v.b.).
Quei video, per quanto utili a mostrare atroci realtà, generano inevitabilmente un senso di impotenza e quindi di stress che sfocia inevitabilmente nella rabbia e nell'odio.
Un tempo li condividevo anch'io ma poi ho capito che serve a poco.
Mostra quotidianamente immagini di guerra e distruzione e la guerra diverrà "normale".
Mostra quotidianamente immagini di pace e quiete e la guerra si allontanerà sempre più.
L'uomo assimila tutto ma spesso lo fa in malo modo e quindi è meglio mostrare "positività" anziché una profonda "negatività".
Un tempo un amico scrisse: "un mondo senza umani non sarebbe comunque un mondo giusto, il mio gattino paraplegico sarebbe spacciato senza l'aiuto della sua famiglia umana" - poi avremmo i cani (ormai parecchio distanti dai lupi) che saprebbero fare ben poco in un mondo "selvaggio", e quindi i gatti, maialini ecc ecc... avremmo colonie di animali che a stento riuscirebbero a sopravvivere e che al primo problema, senza l'aiuto dell'uomo, sarebbero spacciati.
-
I miei canazzi, che praticamente dividono il letto con me, non oso immaginare quanto (e come) riuscirebbero a sopravvivere in un mondo senza umani.
-
Un mondo giusto non si ottiene con l'estinzione umana, basta semplicemente che tali umani siano "giusti".

Citazione

Un tempo li condividevo anch'io ma poi ho capito che serve a poco.
Spero di aver contribuito al cambiamento di idee...  :blush:

Sul discorso "animali senza uomini" io non mi sono nemmeno posta il problema...è un non-problema, dal momento che non accadrà. Comunque è certo che lo scenario sarebbe molto più "selvaggio" di quanto non lo sia già oggi. Vigerebbe la legge della giungla...!

Citazione

Citazione

Un tempo li condividevo anch'io ma poi ho capito che serve a poco.
Spero di aver contribuito al cambiamento di idee...  :blush:
Direi di si, decisamente :)

Citazione

Sul discorso "animali senza uomini" io non mi sono nemmeno posta il problema...è un non-problema, dal momento che non accadrà. Comunque è certo che lo scenario sarebbe molto più "selvaggio" di quanto non lo sia già oggi. Vigerebbe la legge della giungla...!
Ma infatti - si tornerebbe ad assurde barbarie dove l'unica legge sarebbe quella della giungla e direi che questo non sarebbe affatto un bene.
Dovremmo preoccuparci solo di evolvere (almeno spiritualmente) e non di immaginare un mondo senza umani.

Francesco
25 mar 2011, 12:43
Fantastico!
Praticamente hai detto ciò che io penso sull' estremismo in genere.
Inutile dire che è sempre la via peggiore, inutile fare esempi in cui l'umanità è stata estremista ed ha portato morte, terrore, distruzione e chi più ne ha più ne metta.
Gli ultrà allo stadio sono violenti, i totalitarismi hanno portato morte ovunque, il fanatismo religioso miete vittime da tempi immemori!
Ed ora purtroppo si aggiunge una nuova forma di estremismo che sta contagiando la quasi totalità del mondo veg*ano. Questo è innegabile!
Ci sono troppi estremisti, pazzi fuoriosi, rissosi e soprattutto persone IRRAGIONEVOLI con le quali è IMPOSSIBILE RAGIONARE! Che cosa triste essere impotenti contro cotanto odio e tanta irragionevolezza.
Perchè l'uomo si fa accecare sempre dall'odio e vuole vedere nemici ovunque?

La risposta a questa domanda te la do io:
"in realtà alla gente piace combattere, piacere la rissa"
ed ora cito Nietzsche:
"il guerriero in tempo di pace si scaglia contro se stesso"

Salutii!  :blush:

SegmentationFault
27 mar 2011, 20:17
Molto spesso si è portati ad esaltare l'individuo a dispetto delle sue relazioni con la società e in generale dello spazio che intercorre tra persona a persona. Con questo intendo che (soprattutto in occidente) si da una grande rilevanza alla responsabilità "personale" dell'individuo: un'azione è buona se buona è la persona che l'ha compiuta e viceversa, c'è il poliziotto buono ci protegge quello cattivo ci manganella e così via. Le guerre ci sono perché ci sono persone cattive (o stupide o inette?) come Bush che le vogliono. Questa però a conti fatti è solo modo di vedere le cose. Certamente sono tutte persone quelle che compiono azioni malvagie o prendono decisioni ingiuste. Ma tali persone hanno intorno un contesto "favorevole" a quelle azioni o decisioni, un contesto che le spinge ad agire in quel modo, se non addirittura ha fatto in modo che proprio quelle persone siano in quel posto in quel momento a fare quella cosa. Prendiamo l'esempio di Bush: siamo tutti d'accordo che è incredibile che un tale idiota sia stato per due mandati il capo di una delle più influenti nazioni al mondo. Possiamo credere che lui contando solo sulle sue capacità sia riuscito da solo a raggiungere tale carica. Possiamo credere che un uomo abbia deciso di propria volontà di dichiarare guerre costate la vita a migliaia di persone? No non possiamo! Quello che possiamo dedurre (e Marx l'ha fatto nel caso di Napoleone III) è che sono i fatti che da soli hanno portato all'ascesa di Bush e alle guerre da lui dichiarate. E con fatti intendo relazioni tra persone, stati e forze produttive. Oramai nessuno è più padrone degli equilibri (o squilibri?) mondiali . . . nemmeno le multinazionali o i governi (l'ordine è importante!) . . . le nostre vite sono intrecciate in una struttura solida e perversa che in molti chiamano società moderna (ma io chiamo democrazia). La mia visione è che oramai siamo su un bolide che corre a tutta velocità senza che nessuno sia più alla guida e che davanti a sé ha solo un muro o un baratro.
PS estremismo è una parola molto abusata tra giornali e televisioni . . . se vogliamo definire estremismo una corrente di pensiero che applicata ha conseguenze estreme finiremmo in paradosso. Per esempio, pochi sanno che oramai abbiamo riversato nell'ambiente così tanti rifiuti plastici che in Inghilterra la spiaggia di Plymouth è per il 20 fatta di piccoli granelli di plastica . . . ed immaginate quanta sabbia c'è in una spiaggia. Quindi produrre e consumare plastica è un estremismo perché porta a conseguenze estreme . . . insomma se compro un flacone di shampoo sono un estremista . . . forse si!
Secondo me dovresti aprire un blog apposito a sfondo socio/filosofico! altrimenti poi ti ritrovi tra i related "Ogni 3x2 blocco Router 604T Modem/Router"  :blush:

A parte questo, ultimamente stavo pensando le stesse cose... Non leggo tanto blog animalisti, ma ho visto lo stesso comportamento su quelli politici. Sul blog del popolo viola, piuttosto che altri simili, si leggono frasi degne dei peggiori nazisti. Paradossalmente sono molto più violenti di coloro a cui si oppongono. E, esattamente come hai sottolineato, nel momento in cui fai notare l'esagerazione, diventi automaticamente bersaglio di violenza.

Evidentemente, se nel mondo non si riesce a estirpare la violenza, è perché questa è insita nell'animo umano e la civiltà umana, eccetto pochi individui, non ha ancora raggiunto una maturità tale da saperla controllare. Secondo me, perché questo succeda, sarà necessario arrivare sull'orlo dell'estinzione...
@Francesco: Probabilmente è così ma è giusto ricordare che molti guerrieri, dopo aver combattuto tanto e duramente, desiderano la pace (sia con se stessi che con le altre persone).
-
@SegmentationFault: Sicuramente, se il mondo è così, è anche a causa del fatto che "chi sta ai piani alti" ci vuole così (ma al contempo siamo noi che lo permettiamo).
-
Riguardo alla spiaggia e al flacone di shampoo, permettimi di evitare qualsiasi commento se non un semplice: "non si sta parlando di comportamenti sociali di una giornata ordinaria ma di atteggiamenti eccessivamente violenti senza alcuna valida ragione per essere tali".
-

Citazione

Secondo me dovresti aprire un blog apposito a sfondo socio/filosofico! altrimenti poi ti ritrovi tra i related "Ogni 3x2 blocco Router 604T Modem/Router"  :lol:
E secondo te perché non vedo l'ora di migrare a wordpress  :)
Blog per "categorie in stile blog" e forum per il supporto ;)
Fare entrambe le cose con il solo forum non è più possibile  :)

Citazione

... Secondo me, perché questo succeda, sarà necessario arrivare sull'orlo dell'estinzione...
Mi fa piacere notare che non sono il solo ad aver notato queste forme di estremismo e temo tu abbia ragione: "prima di vedere un netto miglioramento, sarà necessario toccare il fondo" (e per fortuna - o purtroppo[?] - non credo manchi molto) :blush:
Guarda ora non ricordo bene dove lessi certe cose ma l'importante e che ne ho fatto tesoro

ogni cosa vive grazie al suo opposto, il cielo vive grazie alla terra se non ci fosse terra sarebbe solo vuoto, l'amore vive grazie all'odio... come potresti distinguere l'amore dall'odio o viceversa se uno dei due non esistesse, e per ogni cosa è così.
Le tue sono gran belle frasi , gran bei pensieri che io condivido appieno ma, bisognerebbe che tutti avessero le palle come quella bambina di 12 anni che andò a parlare all'onu dicendo quello che pensava a chi di dovere...

Purtroppo te come me sei uno dei tanti che posta sul proprio sito o blog i propri pensieri e che soltanto 1 di noi su 1 000 000 riesce a concludere qualcosa.

Io una volta sono riuscito a concludere qualcosa,col mio sito che si chiamava Giorni nostri, ma che ha fatto bruciare il culo a troppa gente rilevante e che chissà come mai mi è stato oscurato, lo avevo su xoomer di virgilio, dovetti chiuderlo e poi passai ad altervista.

Da li ho capito che forse il libero pensiero, la libertà di parola, il diritto all'informazione, diventano solo un eufemismo perchè quando ciò che dici è troppo vero, quando chi ascolta è troppa gente vengono subito attappatele orecchie a chi ascolta gli occhi a chi legge o vede e la bocca e bloccate le mani a chi parla e scrive...

Questo è il mondo in cui viviamo oggi